Passa ai contenuti principali

La Monorotaia della Circonvallazione



La Circonvallazione esterna coincide con un anello viario fissato nel 1884 dal primo piano regolatore di Milano (il Piano Beruto), e che fino alla fine della Seconda guerra mondiale ha grosso modo delimitato l'estensione urbana della città[7], tant'è che questa "nuova strada di circonvallazione" è stata definita dal De Finetti l'equivalente di una cinta muraria, poiché nel Piano Beruto comportava una rinuncia al dialogo tra città e territorio.
È nota anche con l'appellativo di circonvallazione filoviaria, perché è percorsa, con alcune variazioni, dalle linee filoviarie 90-91-92 che percorre nei due sensi quest'anello, con capilinea in Piazzale Lotto (tra i viali Elia e Migliara) e in via Isonzo (piazzale Lodi). Inaugurata alla fine degli anni trenta come CE (circolare esterna) è rientrata in servizio sull'intero percorso alla soglia degli anni cinquanta. È sempre stata servita da mezzi articolati di grande capacità e oggi fruisce di un percorso protetto che corre, con l'esclusione di brevi tratti, in sede propria. (wikipedia)

Peccato che essendo a livello stradale, il percorso venga rallentato ad ogni semaforo e quindi renda l'uso di questo mezzo troppo lento. L'altro giorno mentre ero a bordo della novanta mi sono accorto di quanto ci si impieghi per fare poche fermate, in pratica eravamo sempre fermi.
Quindi, ho ripensato ad un mio vecchio sogno, ovvero al posto dei filobus mettere una monorotaia sopraelevata, tipo quella che si trova a Sydney. Diverrebbe una specie di metropolitana, sicuramente meno costosa e ugualmente utile, certo con treni molto frequenti, viste le ridotte dimensioni. Unico inconveniente potrebbe essere il passaggio sotto la stazione Centrale, ma se in quel punto il binario si portasse al livello stradale, potrebbe passare sotto il tunnel senza problemi. Certamente le strade in quel punto andrebbero ridisegnate e bloccate, Via Soperga, Via Ferrante Aporti, Via Sammartini e via Ponte Seveso, ma non essendo vie di grande scorrimento il problema potrebbe essere superato facilmente. Per quanto riguarda gli alberi che coronano la circonvallazione, penso che basterebbero delle buone potature e senza abbattere alcun albero. Mentre al posto del manto stradale tra questi filari d'alberi si potrebbe stendere un bel prato verde. Per viale Monteceneri, opterei per la definitiva demolizione della sopraelevata (orrendo manufatto creato negli anni cinquanta) e proseguirei col ripristino del viale alberato e monorotaia centrale.

Per una città più fruibile e bella a vedersi.


Di seguito le immagini della circonvallazione in alcuni punti, com'è ora e con un esempio di monorotaia inserito a fotomontaggio






Come passare sotto i tunnel della stazione centrale

 



LA monorotaia di Sydney



Post popolari in questo blog

Milano | Cagnola – Piazzale Accursio: al via il cantiere per il consolato USA

Finalmente ci siamo, lo storico ex Tiro a Segno Nazionale o Poligono della Cagnola, è ufficialmente un cantiere. Infatti sono cominciati i lavori per restaurare le vecchie palazzine e trasformarle nel Consolato Generale degli Stati Uniti d'America.

La foto che segue è stata pubblicata sulla pagina Facebook del Consolato USA.
Purtroppo al momento non si conosce come sarà trasformato e come sarà restaurato il vecchio complesso del 1906.




Milano | Bovisa – Progetto di via Durando: aggiornamento

Dopo oltre un decennio di stallo, forse ci siamo per risolvere il cantiere di via Durando?

Siamo alla Bovisa dove all'incrocio tra le vie Durando e Don Giuseppe Andreoli, si trova un lotto in attesa di una definitiva riqualificazione da troppo tempo.

Forse l'attesa potrebbe essere giunta ad una svolta, perché sono comparsi, dopo tanto tempo, dei nuovi rendering per il palazzo che dovrebbe essere costruito in questo lotto.
Il progetto si era già visto qualche anno fa, ma rimase sulla carta (o nella rete). Differenziava un po' da questo, soprattutto dal punto di vista estetico e onestamente ci piaceva un po' di più.

Si tratta di una stecca commerciale e una residenziale sovrapposte a formare una corte pedonale. Progetto un po' coraggioso per questa parte di città, visto che i negozi chiudono anziché aprire, ma forse è anche un'idea per rivitalizzare il quartiere, anche perché la corte coi negozi metterebbe in connessione il Campus Bovisa del Politecnico di Milan…

Milano | Arexpo - Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi

Ecco il progetto del nuovo IRCCS Galeazzi che sorgerà nell'ex area Expo, dove si trovavano i padiglioni dell'Angola, Brasile e Corea per intenderci.

Come già anticipato, il nuovo ospedale Galeazzi nell'agosto scorso ha acquistato una parte all'interno dell'area Expo. E' comparso il rendering del nuovo edificio la cui struttura riprende il disegno del progetto proposto in precedenza per la zona di Turro, con unica sostanziale differenza nell'altezza della struttura, che qui raggiungerà i 18 piani.

L'edificio non spicca per originalità nel disegno e si collocherà all'interno dell'area lungo il vecchio Decumano (l'arteria principale e più lunga utilizzata durante l'Expo) nel punto più vicino alle stazioni della M1 e del Passante Ferroviario di Rho Fiera.

Il tracciato del canale d’acqua perimetrale realizzato per l’Esposizione Universale verrà traslato, portandolo verso il decumano, valorizzandone la fruibilità e la percezione paesaggistica …